LA NOSTRA STORIA

“Il Figlio dell’uomo è venuto per dare la propria vita in riscatto per molti”: Omelia 21 Ottobre 2018 (dDV)

VANGELO (Mc 10,35-45)
Il Figlio dell’uomo è venuto per dare la propria vita in riscatto per molti.

+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: «Maestro, vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo». Egli disse loro: «Che cosa volete che io faccia per voi?». Gli risposero: «Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra».
Gesù disse loro: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse loro: «Il calice che io bevo, anche voi lo berrete, e nel battesimo in cui io sono battezzato anche voi sarete battezzati. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato».
Gli altri dieci, avendo sentito, cominciarono a indignarsi con Giacomo e Giovanni. Allora Gesù li chiamò a sé e disse loro: «Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Lettura (audio) del Vangelo

Omelia
(mp3)

ANGELO D’AURIA, referente delle suore di Santa Gemma Galgani, parla del villaggio di MTUMBA, in Tanzania, a cui è stato devoluto quanto raccolto nella nostra Parrocchia durante
la QUARESIMA DI FRATERNITÀ 2018
(mp3)

Celebrazione in campetto (30 Set 2018)

Gruppo 1
Gruppo 2

Celebrazione in campetto (3 Giu 2018)

Gruppo 1
Gruppo 2

Unzione dei Malati (20 Mag 2018) – Foto

Gruppo 1
Gruppo 2

Pellegrinaggio Parrocchiale a Orta/San Giulio (5 maggio 2018 – foto Don Antony)

Pellegrinaggio Parrocchiale a Orta/San Giulio (5 maggio 2018)

“Gesù Nazareno, il crocifisso, è risorto”: Omelia Veglia Pasquale Notte Santa 31 Marzo 2018 (dDA)

Vangelo

Mc 16, 1-7
Gesù Nazareno, il crocifisso, è risorto.

Passato il sabato, Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo e Salòme comprarono oli aromatici per andare a ungerlo. Di buon mattino, il primo giorno della settimana, vennero al sepolcro al levare del sole.

Dicevano tra loro: «Chi ci farà rotolare via la pietra dall’ingresso del sepolcro?». Alzando lo sguardo, osservarono che la pietra era già stata fatta rotolare, benché fosse molto grande.

Entrate nel sepolcro, videro un giovane, seduto sulla destra, vestito d’una veste bianca, ed ebbero paura. Ma egli disse loro: «Non abbiate paura! Voi cercate Gesù Nazareno, il crocifisso. È risorto, non è qui. Ecco il luogo dove l’avevano posto. Ma andate, dite ai suoi discepoli e a Pietro: “Egli vi precede in Galilea. Là lo vedrete, come vi ha detto”».

Omelia
(mp3)

Domenica delle Palme: alcune foto







Via Crucis 2018 – alcune foto

Via Crucis triparrocchiale: Assunta, Patrocinio San Giuseppe, Santa Monica.


palme2017_1


palme2017_1


palme2017_1


palme2017_1


palme2017_1


palme2017_1

“Guarì molti che erano affetti da varie malattie”: Omelia 4 Febbraio 2018 (Daniele Venco)

VANGELO (Mc 1,29-39)
Guarì molti che erano affetti da varie malattie.

+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva.
Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano.
Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove, nei villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!».
E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni.

Lettura (audio) del Vangelo

Omelia
(mp3)

Celebrazione in campetto (24 Set 2017) – Foto

Gruppo 1
Gruppo 2

Celebrazione in campetto (28 Mag 2017) – foto

Gruppo 1
Gruppo 2

Domenica delle Palme 2017

palme2017_1

palme2017_2

palme2017_3

Suor Palmina: “Saluta la Comunità di Santa Monica (11 dic 2016)”

dsc_0415

dsc_0404

Un ricordo dei fratelli Cerino: don Beppe e Francesca

28-05-2006

Celebrazione in campetto: 25 Set 2016 (alcune foto)

mmm_4691
mmm_4698
mmm_4699
mmm_4696
mmm_4721
mmm_4734

Giubilei 2016 – 29 Mag 2016

Click sulle Immagini per ingrandire



Don Giuseppe Chen – Don Daniele – 29 Mag 2016

Click sulle Immagini per ingrandire









Unzione dei Malati

unzione_malati_15-05-2016

“Perché cercate tra i morti colui che è vivo?”: Omelia Veglia di Pasqua 26 Mar 2016 (dDA)

Veglia_Pasqua_2016

VANGELO (Lc 24,1-12)
“Perché cercate tra i morti colui che è vivo?”
+ Dal Vangelo secondo Luca

Il primo giorno della settimana, al mattino presto [le donne] si recarono al sepolcro, portando con sé gli aromi che avevano preparato. Trovarono che la pietra era stata rimossa dal sepolcro e, entrate, non trovarono il corpo del Signore Gesù.
Mentre si domandavano che senso avesse tutto questo, ecco due uomini presentarsi a loro in abito sfolgorante. Le donne, impaurite, tenevano il volto chinato a terra, ma quelli dissero loro: «Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui, è risorto. Ricordatevi come vi parlò quando era ancora in Galilea e diceva: “Bisogna che il Figlio dell’uomo sia consegnato in mano ai peccatori, sia crocifisso e risorga il terzo giorno”».
Ed esse si ricordarono delle sue parole e, tornate dal sepolcro, annunciarono tutto questo agli Undici e a tutti gli altri. Erano Maria Maddalena, Giovanna e Maria madre di Giacomo. Anche le altre, che erano con loro, raccontavano queste cose agli apostoli.
Quelle parole parvero a loro come un vaneggiamento e non credevano ad esse. Pietro tuttavia si alzò, corse al sepolcro e, chinatosi, vide soltanto i teli. E tornò indietro, pieno di stupore per l’accaduto.
Omelia
(mp3)

18-03-2016 Via Crucis 2016 triparrocchiale (Patrocinio San Giuseppe, Santa Monica, Assunta): 2 stazioni

Testo della Via Crucis (pdf)

Stazione 2
prima_stazione_2

prima_stazione_1

Stazione 3
seconda_stazione

LA SETTIMANA 2018
Num. 927 del 9 dic 2018
Pubblicati
IL PONTE
Num. 3 - Set 2018
Pubblicati
Cappella Natività
Maria Santissima

Santa Monica
PROSSIME LITURGIE


Casa Amica
Notiziario 3/2018
Pubblicati