Via al cielo (dMP)

Print Friendly, PDF & Email

Gesù ci apre la strada al cielo portandoci la nostra umanità

Nei quaranta giorni dopo la resurrezione Gesù è apparso varie volte ai suoi discepoli per rassicurarli e provare loro che era veramente vivo. Non tutti però erano persuasi a quanto ci dice l’evangelista Matteo. È lo Spirito Santo che completerà la loro formazione. Si avvicina il momento per gli Apostoli di comin-ciare la loro missione. Apostolo significa inviato, per questo il Maestro dice loro di andare in tutto il mondo. Nel vangelo di domenica scorsa Gesù afferma che, mentre il mondo non lo vedrà più, i discepoli lo vedranno, perché condividono la sua stessa vita. Dalla sua ascensione in poi, Gesù sarà visibile at-traverso di loro. È così anche oggi. Il sacerdote, quando cele-bra la Messa, è Gesù che spezza il pane per i suoi, e come per i discepoli di Emmaus, noi possiamo riconoscerlo in quel ge-sto. Ogni credente che ci parla di Lui ce lo rende presente. La sua missione non si è conclusa con l’ascensione, ma continua attraverso le persone che lo seguono. Inoltre, salendo al Padre, il Maestro porta con sé la sua umanità e apre la via che anche noi percorreremo dopo la resurrezione. Egli attira tutti a sé nel suo innalzarsi e ci invita ad andare fino ai confini della terra per coinvolgere con il battesimo tutti gli uomini in questa cor-rente che collega la terra con il cielo. Gesù è accanto a noi in questa missione evangelizzatrice: ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo. Il Maestro nel suo mandato non alludeva solo ai confini geografici, ma anche ai confini della storia. La chiesa ci traghetta verso l’eternità attraverso il tempo. Ancora oggi noi continuiamo ad annunciare e a battez-zare nel suo nome. Non sono solo i sacerdoti a farlo, ma tutti i credenti. Voi lo realizzate trasmettendo la vostra fede ai figli, vivendo una vita da cristiani, mostrando a tutti che la vostra speranza va oltre la vita. È questo il senso della preghiera di Paolo che invoca per noi uno spirito di sapienza, perché pos-siamo comprendere a quale speranza ci ha chiamati. Gesù è più grande di tutte le potenze presenti e future. Questi due-mila anni hanno visto nascere e cadere regni e imperi, ideolo-gie che pretendevano di orientare tutta la vita degli uomini, ma niente è durato come dura la chiesa e il vangelo. Il Signore sarà con noi fino alla fine del mondo. Noi possiamo comuni-care con lui nell’eucarestia e, attraverso quel pane, siamo in comunione con tutta la chiesa, passata, presente e futura, perché attingiamo alla fonte che le dà vita e che ci fa pregu-stare l’eternità.

LA SETTIMANA 2020
Num. 989 del 24 mag 2020
Pubblicati
IL PONTE
Num. 1 - Mar 2020
Pubblicati
Cappella Natività
Maria Santissima

Santa Monica

Casa Amica
Notiziario 1/2020
Pubblicati